Prima sono venuti a prendere

Uncategorized

Prima sono venuti a prendere i medici e i ricercatori che erano in dissenso coi provvedimenti attuati. E io non ho detto niente.

Poi sono venuti a prendere tutti quelli che parlavano contro i vaccini.

E io non ho detto niente.

Poi sono venuti a prendere tutti quelli che parlavano contro il 5G.

E io non ho detto niente.

Poi sono venuti a prendere tutti quelli che parlavano contro l’Unione Europea e il MES. E io non ho detto niente.

Poi sono venuti a prendere chi era contro le esercitazioni militari.

E io non ho detto niente.

Poi sono venuti a prendere chi era contrario all’operato di polizia, esercito e carabinieri. E io non ho detto niente.

Poi sono venuti a prendere tutti quelli che avevano dissentito sui social network contro lo Stato di emergenza, contro la restrizione di ogni libertà.

Tutti quelli che mettevano in dubbio i dati diffusi dal Governo, sui malati, sui morti, sulla sorte di quelli che scomparivano.

E io non ho detto niente.

Poi sono venuti a prendere tutti quelli che uscivano, trasgredendo le norme, per rivedere le persone che amavano, da cui erano stati separati,

che tentavano di ritrovarsi per passare insieme quei momenti e sostenersi l’un l’altro. E io non ho detto niente.

Poi sono venuti a prendere tutti quelli che avevano espresso il loro dissenso a voce, al supermarket o in panetteria.

E io non ho detto niente.

Poi sono venuti a prendere quelli che, dopo mesi di agonia e di fame, si erano ribellati ed erano usciti in strada per cercare da mangiare saccheggiando i supermercati. 

E io non ho detto niente.

Poi sono venuti a prendere anche chi si era detto contrario al regime anche solo al telefono, nelle mail, oppure a voce, con conoscenti, amici, familiari.

E io non ho detto niente.

Poi sono venuti a prendere tutti quelli che, per un motivo o per l’altro, non erano graditi al poliziotto di turno: per una mascherina non adeguata, una distanza non sufficiente, un raffreddore, una tosse sospetta, uno starnuto. 

Tutti quelli che venivano a prendere venivano forzatamente sottoposti al tampone, anche quando stavano in perfetta salute. 

Il risultato era sempre positivo, e venivano portati via, senza che nessun familiare potesse opporsi per non contravvenire all’emergenza sanitaria.

Dopo pochi giorni tutte queste persone venivano dichiarate morte per il corona virus. A nessuno era possibile vederli ed esaminarne le salme: né i familiari né chiunque tentasse di indagare la verità, che veniva a sua volta portato via e diventava un’altra vittima del corona virus.

Nel frattempo i numeri del “contagio” e “delle vittime” aumentavano a dismisura, avevano cominciato a mostrare prima camion militari che trasportavano bare, poi fosse comuni e cadaveri accatastati e seppelliti precipitosamente. Nessuno poteva avvicinarsi. Erano tutti “covid19”.

Poi sono venuti a prendere me.

E non c’era più nessuno a cui dire nulla.

A cui chiedere aiuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti